I fratellini vestiti uguali

Lo ammetto ho un debole e probabilmente la colpa è come sempre di mia madre. Adoro vestire i miei figli uguali. Golfini uguali, pigiami uguali, scamiciata per lei e bermuda per lui,   rigorosamente con la stessa stoffa. Camicia? Il profilo del colletto dello stesso colore per lui e per lei. Stessa fantasia per i costumi d’estate e si, forse sono un tantino fissata. Mi piacciono da impazzire, non solo per le feste o le occasioni, ma anche per andare ai giardinetti. La collezione di Tempus Amoris per fortuna è in grado di assecondare ogni mia fantasia in questo senso, dal neonato in su, ogni potenziale fratello o sorella potrebbero vestirsi coordinati volendo. Mio marito non fa altro che prendermi in giro dicendo che ho voluto il secondo figlio solo per vestirli uguali. Ok, non esageriamo.

La verità è che da bambina lo detestavo. Le mie cugine ed io e poi anche mio fratello (unico maschio per anni poveraccio) vestiti uguali. Tirolesi in montagna, scozzesi d’inverno, pizzi, punto smock, spalline a sbuffo e merletti. Allora si usava così, e ad alcune di noi piace ancora vestirli così, magari non sempre, ma spesso. Oggi mi commuovo e sorrido guardando quelle foto un po’ sbiadite di noi bambini tutti vestiti uguali, con nonna e mamme che ci mettevano in riga. Quando vesto i miei figli così, in abbinata come vestivano noi, è questo che spero: che un giorno fra molti anni ci saranno loro a guardare le fotografie e a pensare: “che belli che eravamo e quanto eravamo felici!”.

Flaminia Camilletti

Share

You Might Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *